Ragionare come clienti in difficoltà, e non come venditori in difficoltà.

Per fronteggiare la situazione generata dal Coronavirus le aziende devono agire per garantire la sopravvivenza aziendale con la lucidità e la lungimiranza di guardare anche al futuro. Perchè questo è il momento di vendere e di sapersi vendere, non di incassare.

E’ il momento di ragionare

Ragionare per agire con intelligenza in questo particolare periodo storico significa anche trovare il giusto equilibrio tra le azioni tattiche e quelle strategiche.

Stiamo tornando all’epoca della qualità perché siamo invasi da prodotti scadenti, informazioni false, relazioni superficiali. Qualità intesa come capacità del prodotto/servizio di svolgere il ruolo per il quale è stato acquistato, ma anche qualità nelle relazioni. L’emergenza che stiamo vivendo ci indurrà ad essere più selettivi attribuendo i giusti pesi ai vari elementi del nostro vivere e del nostro essere. Essere persone, amici, genitori, figli, professionisti, manager, clienti. Continua a leggere “Ragionare come clienti in difficoltà, e non come venditori in difficoltà.”

Per le aziende questo è il momento di dare, e non di chiedere.

Il Coronavirus ha cambiato le nostre vite, e le aziende devono comunicare cosa hanno fatto, stanno facendo, e faranno; in modo da informare e tranquillizzare su come stanno affrontando questa grande sfida oggi per essere pronte al domani.

E’ il momento di comunicare

In questo periodo molte aziende stanno inviando ai clienti email a firma del CEO/Direttore Generale, alcune meno formali di altre. Tra le email che ho avuto modo di vedere ne cito due.

La prima di Genialloyd che all’inizio scrive “… Siamo quelli della porta accanto, che condividono le sue stesse preoccupazioni e difficoltà ma che, proprio come lei, fanno tutto quello che si deve e si può per vincere questa battaglia comune.” Ed in chiusura ricorda il numero del contact centre specificando “Abbia pazienza se per risponderle avremo bisogno di qualche minuto in più.”
Un messaggio di vicinanza e di impegno, senza nascondere le difficoltà che anche loro stanno vivendo. Continua a leggere “Per le aziende questo è il momento di dare, e non di chiedere.”